venerdì 4 novembre 2022

La settima luna...

 ...di Piergiorgio Pulixi.

Il vicequestore Vito Strega sta festeggiando in uno splendido hotel nel Supramonte, in Sardegna, la risoluzione di un difficile caso. Con lui c'è la sua squadra, composta dagli ispettori Eva Croce, Mara Rais e Bepi Pavan.

La meritata vacanza viene interrotta da una telefonata della questura di Pavia. In una zona paludosa del Parco del Ticino, nei pressi di Garlasco, è stato ritrovato il cadavere di una ragazza nuda, legata ed inginocchiata, con indossa una maschera bovina. La scena del crimine ricorda molto da vicino un vecchio caso risolto da Vito Strega, e nessuno meglio di lui e della sua squadra lo conosce. C'è un emulatore in libertà? O qualcuno sta cercando di attirare l'attenzione del vicequestore e dei suoi? 

Cominciamo questa recensione con un bel disclaimer: questo romanzo è il quarto di una serie, ma io ne ho affrontato la lettura senza leggere i precedenti. So benissimo che non si dovrebbe fare, ma io l'ho fatto perchè sono una figlia del demonio perchè mi è capitata la possibilità di prenderlo in prestito da un'amica, ed ero curiosa di leggere qualcosa di questo autore. Dunque qualcuno dei rilievi che farò potrebbe essere dettato dal fatto che sono piombata su questa serie noir partendo dalla fine.

Vito Strega e la sua affiatatissima squadra non si sono ancora ripresi dalla risoluzione del caso precedente, quello di un serial killer noto come il Dentista (e onestamente non voglio sapere il perchè di questo soprannome), quando sono chiamati in soccorso della questura di Pavia, per indagare su un caso che inizialmente pareva essere una "banale" scomparsa, ma che purtroppo si rivela un efferato omicidio, con dettagli rituali che ricordano qualcosa di cui Strega si è già occupato anni prima.

Teresa Polello, ragazza modello, amata da tutti, bella, intelligente, buona, salutava sempre, scompare nel nulla per diversi giorni, fino al ritrovamento del suo cadavere, che trasforma le ricerche di una persona scomparsa in una delicata indagine per omicidio, indagine condotta col timore che si tratti dell'opera di una serial killer che potrebbe colpire ancora.

La prima cosa che mi ha lasciata perplessa è stato il fatto che l'indagine vera e proprio inizia verso la metà del romanzo. Prima, ci sono circa 200 pagine in cui Strega e i suoi si danno (metaforicamente parlando) grosse pacche sulle spalle complimentandosi per la brillante risoluzione del caso del Dentista (e dopo la ventesima volta che mi si ricorda che il caso è stato brillantemente risolto, ecco, credo di aver capito, grazie per la premura, comunque) mentre nei dintorni di Garlasco polizia e volontari cercano senza sosta una donna scomparsa e sospettano un allontanamento volontario. 

Questo dilatarsi del prologo del romanzo non mi ha colpita favorevolmente, e mi ha anche un po' annoiata. Certo, magari ha aiutatato a conoscere meglio i personaggi, ma arrivati al quarto volume di una serie, c'è davvero bisogno di un così corposo numero di pagine per riprendere le fila delle vicende di Strega & co.?

I personaggi poi, sono un altro punto che mi ha lasciato perplessa. Ho trovato fastidiosissima la tendenza degli stessi a fare commenti e battute sull'aspetto fisico e sul peso di chiunque, soprattutto colleghi, anche conosciuti da poco. Capisco il clima goliardico e cameratesco creatosi tra i membri della squadra, ma a parer mio la tendenza è esagerata, e il troppo stroppia. Allo stesso tempo, oltre a queste continue battutine sul peso di Bepi Pavan, o sul peso di chiunque, o sull'altezza di una collega appena conosciuta, o addirittura sui problemi neurologici di un agente ferito in servizio, mi sembra che i personaggi siano caratterizzati poco o nulla, tratteggiati più attraverso clichè che attraverso un vero approfondimento. La diversa provenienza geografica dei membri della squadra sottolineata inserendo frasi in dialetto ne è un esempio. Non solo non basta a rendere originale, unico, riconoscibile un personaggio, ma è anche una abusata scorciatoia per tratteggiare un personaggio, a parer mio.

Un dettaglio poi verso la fine del romanzo ha rafforzato la mia idea che i personaggi siano scarsamente approfonditi e "curati", per così dire: durante una scena d'azione un agente che collabora con Strega viene ferito in modo serio (e abbastanza raccapriciante); subito dopo la risoluzione del conflitto, di questo agente perdiamo le tracce, Strega abbraccia i suoi sollevato per lo scampato pericolo, lui e le ispettrici ricominciano a darsi (metaforicamente parlando) grosse pacche sulle spalle per aver superato una situazione difficile, e nessuno che spenda una parola per chiedersi come sta X (non faccio il nome per non fare spoiler). Non sappiamo neanche se X sia vivo o morto, o sia stato almeno caricato su di un'ambulanza. Ma per carità, l'importante è che Pulixi si premuri di farci sapere che Vito Strega considera i suoi collaboratori come la sua famiglia.

Lo svolgimento della trama, nella seconda metà del romanzo, è moderatamente interessante; diverse false piste vengono indagate, poi abbandonate, poi riprese, il che rende l'impianto narrativo credibile e anche sufficientemente movimentato. Il finale non è scontato ma allo stesso tempo, chiuso il volume, non sono riuscita a togliermi di dosso quella sensazione di "già letto, già visto". 

Voto: 6-

 

Nessun commento:

Posta un commento